SERGIO RAFFAELE

Nelle sue composizioni privilegia l’uso di geometrie ed elementi grafici, mettendo sempre al centro l’individuo e il suo vissuto quotidiano: l’intento è quello di far affiorare e rendere visibile il rapporto spontaneo e dinamico tra l’uomo e la città.

Usa la fotografia come una ricerca di storie ‘minime’, narrate da luoghi e persone all’interno della frenetica dispersione metropolitana. La relazione tra individuo e società appare attraverso composizioni che sottolineano la serialità delle azioni quotidiane. La sua attenzione si sofferma su quei soggetti che mostrano autenticità e una forte relazione, di conforto o di conflitto, col panorama urbano in cui sono immersi. Il suo intento è quello di rappresentare una sintesi del quotidiano, in modo spontaneo e non posato, per ottenere rappresentazioni di grande impatto visivo. Isolare i soggetti dalla massa, seguirli nei loro spostamenti di ogni giorno, permette di raccontare delle storie individuali e uscire dall’omologazione della moltitudine in cui spesso sono spinti.
Un’azione fotografica che si tramuta in vera e propria ‘caccia’ di emozioni e suggestioni all’interno di contesti ordinari e quotidiani, ambientali ed esistenziali.

Nel 2017 entra a far parte del collettivo Italian Street Eyes, con il quale collabora a progetti fotografici ed eventi di promozione e valorizzazione della fotografia di strada nel territorio nazionale ed estero.


My project is aimed to delve into urban and human architectures to understand how they influence each other and how they are perceived. I seek for the "ordinary" which, by the way, is always "unique" because lives and people are unique. Behind the seriality of faces, clothes and movements of a human mass there are many different individual experiences. I would like to draw attention to the diversity and the uniqueness of people.
I wish those who look at my photos would wonder: "Who is it ? Where is it from ? Where is it going ? What took it there ?". And I'd like the beholder to complete this story. I wish two strangers - the subject of the photo and its beholder - would meet each other to have a non-verbal but "sentimental" dialogue.


Exhibition

2017/12 Triennale della Fotografia, Venezia
2017/11 Paratissima, NoPhoto Festival, Torino
2017/08 Urban Photo Award Exhibition, Trieste
2017/05 Tre giorni di Street Photography with Italian Street Eyes, Imago Festival, Orbetello
2017/04 Feeling Home, GT ART Photo Agency, Milano
2017/01 Tanti occhi per dire Street Photography, Italian Street Eyes, Roma
2016/08 Exhibition tour, Street Level Photography, Sogliano Cavour (Lecce)

Publications

2017 Triennale della Fotografia, Exhibition catalogue
2017 NoPhoto Festival, Exhibition catalogue
2017 World Street Photography VOL.4, Kujaja






email

serraffaele@gmail.comprivacy

social

me on Facebook me on Flickr me on Instagram Skype Me™!

loading